Anche quest'anno non ci siamo fatti mancare un bellissimo falò in riva al mare. Location certificata, gente ciozza, attrezzatura super collaudata e condizioni meteorologiche superbe: tutti gli ingredienti necessari per creare una serata divertente!

Anche se dotati di riserva personale di legna... abbiamo prelevato qualche "rametto" in loco al fine di alimentare ben bene il falò:



Verso le ore 19.00 inizia la "costruzione" del campo base. Così come Banderas si rivolge sapientemente alle merendine del mulino bianco apostrofando la saggia frase "c'è pane e pane"... io dico che "ci sono tende e tende"...  Ecco, infatti,  Maria impegnata nella realizzazione di un "complesso tendiario" senza precedenti:
 


Zago, dal canto suo, non fa neanche una piega e affronta l'ingrato compito con la solita professionalità e competenza: sarà comunque dura!
 


Novità 2013: il secchiello pellone monodose dedicato alla cottura in loco della carne ai ferri! Una figata disumana: in un unico secchiello vi sono contenuti carbonella e tutto ciò che occorre per un 'ottima cottura:
 


Gli Amici sono, da sempre, il cuore della festa. Da sinistra: Luca, Barbara, Ge, Mascia, Nicola, Il Beno, Marty, Zago, Maria, Bersa ed il Tony.

Lo Spritz inizia a farsi strada e gli alcolizzati sul campo sono i primi a dotarsi dell'apposito bicchiere!
 


Affamati ci si butta a capofitto sul cibo: l'anoressia non è diffusa tra gli Ospiti
 


La sera sta per sopraggiungere: i colori sono davvero suggestivi e l'atmosfera inizia a delinearsi pellona. Incredibili le condizioni meteo: 4 Km/h di vento rappresentano la situazione ideale e, davvero, non si potrebbe chiedere di più.
 


Abbiamo realizzato un discreto fuoco: mai troppo alto ma ideale per creare atmosfera e scaldarsi un po'...
 


Man mano che la notte sopraggiunge diviene indispensabile un rimedio culinario: provvidenziale il tavolinetto  pellone che è stato preso d'assalto. Presenti numerose prelibatezze preparate un po' da tutti gli Ospiti.
 


Doppio comple (di Zago e del Beno) e doppi Ospiti! Ci sono gli Amici di Zago...
 


... e gli amici del Beno:
 


Naturalmente si è organizzato un piccolo spettacolo pirotecnico per l'occasione, niente di che: qualche fuoco d'artificio... ehm...
 


Spettacolo che, anche se goduto a distanza, sul mare fa sempre bagnare!
 


Eccoci di fronte alla faraonica costruzione di Zago e Maria: un esempio di solidità e mimetismo. Veloce da realizzare, resistente al vento ed alle intemperie e dotata di un fascino tutto particolare:
 


Si sta talmente bene nella nottata che decidiamo di dormire all'aperto vicino al fuoco: davvero bellissimo!
 


Sta per albeggiare e, penso, le immagini parlino da se: sempre emozionante.
 


Il Tony inizia al svegliarsi mentre il Beno prepara il caffè: una vita dura, lo so.

Il campo base ha fatto il suo dovere anche questa volta: c'è stato il comfort necessario e non è mancato davvero nulla.

Ci siamo quasi...
 


Una lieve brezzolina ci fa compagnia preannunciando il sorgere del sole: si sta da dio e si respira vita vera!
 


Ottima anche la dosatura della legna: finiremo con 2 zuccattini in più rispetto al previsto su 5 cartoni, niente male!

E finalmente ci siamo: la "palla di fuoco" ci saluta e ci preannuncia una nuova giornata piena di opportunità e di momenti pelloni da vivere!
 


Condizioni meteo perfette ci consentono di godere dello spettacolo al 100%.
E' tutto schifosamente perfetto.
 


Si smonta il campo base, si getta il pattume nell'apposito cassettone e ci si reca da Simon's a Lido Estensi per gustare croccanti le paste appena sfornate.



 




 


COMMENTA IL CAPITOLO:
LASCIA UN POST SUL "MURO"
UTILIZZANDO IL LINK A FIANCO...